• Ludovico Anniballi

MOIRA ORFEI, L’ETERNA REGINA DEL CIRCO

Aggiornamento: 25 lug 2021

Il circo è da sempre luogo di risate e stupore, uno spazio che può esistere ovunque, ma che non mette mai radici in nessun luogo: ammaliante, ironico, esotico, a tratti brutale e forse selvaggio. Si pone proprio qui, al confine che separa la realtà dalla leggenda, al di fuori del tempo e dello spazio, laddove giacciono gli archetipi, le icone e gli idoli destinati a rimanere eterni nella nostra memoria.

C’è chi il circo lo vive da spettatore e chi ne ha fatto una ragione di vita, incarnandone letteralmente l’anima, le contraddizioni, lo sfarzo, la spettacolarità. Forse non vi stupisce, ma la biografia di Moira è sorprendente almeno quanto il suo personaggio. Quali curiosità si celano dietro quella figura così appariscente che siamo tanto abituati a vedere raffigurata su manifesti e cartelloni pubblicitari delle nostre città? Ecco qualche aneddoto.


Il malocchio ad Andreotti

Dalle parole di Moira: «Io provengo dalla parte degli zingari. So fare e togliere il malocchio. Non sopporto le fattucchiere che mandano in rovina le persone. Se mi chiedono di toglierlo, lo faccio volentieri; se proprio qualcuno insiste per offrirmi qualcosa, scelgo un mazzo di fiori». Rimane, infatti, un’eccezione l’episodio del malocchio a Giulio Andreotti, di cui racconta: «Lo feci dopo che non ci aiutò quando eravamo in Iran e Khomeini mise al bando il circo. Una strage: bruciò tutto. Abbiamo dovuto uccidere i cavalli per darli in pasto ai leoni perché quelli mangiano fieno, non lo stesso cibo dei felini. Andreotti non ci salvò, anzi, disse: “Se dovessi aiutare tutte le ditte all’estero, sto fresco”. C’erano 350 persone che morivano di fame. Ero arrabbiata».


Il fondoschiena che fece fermare Milano

L´immagine che forse racchiude al meglio la personalità di Moira e il suo personaggio ammaliante e irriverente è quella scattata dal grande fotografo Mario De Biasi nel ´53 a Milano, che ritrae la regina del circo (allora ventitreenne) di schiena, fasciata in un abitino bianco, mentre cammina impettita verso una folla di uomini che la osserva adorante. La foto in questione venne poi ospitata al Guggenheim di New York per una retrospettiva dedicata all’Italia e lei stessa racconterà: «In quell’occasione fermai il traffico di Milano. La gente capiva chi fossi persino guardandomi da dietro». Moira doveva andare particolarmente fiera di questa sua prodezza. In una recente intervista, quando le domandarono quale frase volesse incidere come epitaffio, rispose: «Qui c’è Moira Orfei che ha fatto fermare tutta Milano per il suo culo. Ah ah. Lo faccio, sì! Sono stata l’unica. Nemmeno Sophia Loren ha fatto fermare tutta la città».

Moira icona gay

«So di essere molto popolare tra gli omosessuali e sono tutti miei gli omosessuali d'Italia. Ne sono felice, è tutta la vita che ho contatti con gay. Sto bene con loro perché hanno l'intelligenza degli uomini e la finezza delle donne. Poi le donne sono invidiose e non le posso vedere, gli uomini vengono solo per qualche cosa, invece i gay sono proprio amici amici amici. Mi fanno visita e mi portano regali, profumi, sciarpe, anche se io non voglio. Sono pure iscritta all'Arcigay a Roma. Forse vorrebbero vestirsi come me, truccarsi come me, pettinarsi come me che sono sempre un po' fuori dalle righe e non seguo la moda. In Italia avrò almeno cinquanta gay che mi imitano benissimo, mi sembra di vedermi allo specchio».


Il look eterno

Occhi cerchiati dall'eyeliner, rossetto brillante, un neo accentuato sopra il labbro e capelli raccolti a mo' di turbante: a suggerirle il look fu Dino De Laurentiis, il produttore che la scoprì per il cinema negli anni Sessanta e le consigliò di «non cambiare mai perché chi cambia look non ha personalità». A quanto pare Moira di personalità ne aveva da vendere perché da allora non smise mai di pettinarsi e truccarsi in questo modo (operazione che le richiedeva almeno due ore, per sua stessa ammissione), divenendo così uno dei volti più riconoscibili e iconici d’Italia.



Ludovico Anniballi

94 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti